Christine Bouvard tra le immagini della mostra all'aperto «Gente dell'Entlebuch» alla Entlebucherhaus, Schüpfheim.

La cultura come chiave per lo sviluppo della società

17.09.2021
  • Politica sociale

Per la sindaca di Schüpfheim nel cantone di Lucerna, il termine «cultura»" non è altro che ciò che tiene insieme la società.

Per Christine Bouvard Marty è chiaro che la cultura promuove la coesione della società. È quindi impegnata non solo in varie istituzioni culturali ma anche in diverse forme di cultura. Pensa che sia importante aumentare la consapevolezza e la comprensione tra generazioni, tra città e campagna, tra cultura professionale e amatoriale.

Non da ultimo nella sua discussione sullo studio dell'Ufficio federale della cultura sull'influenza dell'urbanizzazione sulla promozione della cultura (cf. box), è diventato chiaro alla sindaca: Abbiamo nelle nostre mani la possibilità di plasmare la società attraverso l'accesso alla cultura». La creazione di centri culturali regionali, ha detto, è un modo non solo di modellare tale accesso alla cultura, ma di garantirlo per tutti.

Studi attuali su comuni e cultura

Nel mese di luglio, l'Ufficio federale della cultura ha pubblicato uno studio sull'influenza dell'urbanizzazione sulla promozione culturale cantonale e comunale. Il lavoro è stato accompagnato da un gruppo di rappresentanti di cantoni, città, comuni e regioni di montagna.

Lo studio descrive le diverse direzioni della promozione culturale a livello cantonale e comunale e fornisce indicazioni su come lo scambio tra le aree funzionali possa essere migliorato. I risultati dello studio saranno presentati in occasione del Dialogo culturale nazionale nell'autunno 2021.

Nel settembre 2021, il Dialogo culturale nazionale (DCN) ha pubblicato la sua guida «Promuovere la partecipazione culturale». Si rivolge alle agenzie di finanziamento culturale private e pubbliche e offre raccomandazioni e strumenti concreti per una promozione efficace e sostenibile della partecipazione culturale. La guida completa il Manuale di partecipazione culturale pubblicato dal Dialogo culturale nazionale nel 2019. Il Dialogo culturale nazionale è stato istituito nel 2011 e riunisce i rappresentanti delle autorità politiche e di promozione culturale dei cantoni, delle città, dei comuni e della Confederazione. Il suo lavoro si basa su un accordo del 2011 e sul programma di lavoro adottato per il rispettivo periodo. Le autorità politiche formano l'organo di direzione strategica del Dialogo culturale nazionale con il capo del Dipartimento federale dell'interno (DFI), i rappresentanti della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), l'Unione delle città Svizzere (SSV) e l'Associazione de Comuni Svizzeri (ACS).

La pubblicazione è disponibile in tedesco, francese e italiano e può essere ordinata presso l'Ufficio federale della cultura (UFC). Inoltre, la guida è disponibile gratuitamente in formato PDF sul sito web dell'ACS.